Accastampato

Rivista di divulgazione scientifica realizzata dagli studenti di Fisica della Sapienza

Linee guida redazionali

Written By: Redazione
Accastampato è scritto prevalentemente e preferenzialmente da studenti e giovani ricercatori, in linea con gli obiettivi del progetto. Il target primario è costituito dagli studenti dell’ultimo anno delle scuole superiori genericamente interessati ai temi scientifici e tecnologici e su di loro va tarato il registro linguistico dei contenuti.
Si predilige un taglio “giornalistico” degli articoli, con un attacco (prime righe di apertura) che colga il cuore della questione, del problema o dell’esperimento e poi un successivo svolgimento esplicativo, rigoroso e scientificamente corretto, ma non tecnico. Si consiglia di definire sempre i concetti non di uso comune, eventualmente proponendo un box di approfondimento per questioni di base più complesse, ma imprescindibili. Si consiglia l’uso esteso, purché appropriato, di metafore e similitudini.
La pubblicazione della rivista avviene in formato pdf ed eventualmente su carta, in formato epub (libro elettronico) e in formato web (tecnicamente xhtml+css) navigabile sia da pc che da mobile device.
Accastampato non è una produzione professionale, quindi non ha delle norme redazionali precise e complete, che tengano conto di tutti gli aspetti grammaticali e di impaginazione degli articoli. Per i primi si raccomanda vocabolario e buon senso, per i secondi la lettura dei precedenti numeri della rivista (per es. il terzo). Tuttavia sono qui elencate alcune linee guida generali per gli autori, non rigidissime ma che permettono una più facile e veloce fase di editing delle bozze degli articoli.
  1. La lunghezza degli articoli è fissata a un massimo di 8.000 (ottomila) battute, spazi inclusi, con una tolleranza del 10%. Si tratta di un limite massimo: un articolo può essere più breve, ma comunque non inferiore a 3.000 (tremila) battute, spazi inclusi. Alla lunghezza dell’articolo concorre anche il testo di eventuali box, ma non quello delle didascalie delle immagini, della bibliografia e della biografia dell’autore. Il formato può essere qualsiasi, ma si predilige il plain latex.
  2. Si richiede di fornire anche immagini a corredo del testo, o almeno un’indicazione su dove reperirne. Si prediligono immagini ad alta risoluzione, se disponibili; in ogni caso con una dimensione di almeno 1024×768 pixel. Il formato può essere qualsiasi.
  3. Nel caso dell’invio di immagini, si richiede la relativa didascalia, la fonte e l’autore, soprattutto se l’immagine è coperta da diritti.
  4. È possibile inserire ulteriore materiale multimediale come video e audio, che apparirà però solo nella versione on-line. Vale quanto detto per le immagini (indicazione della dimensione esclusa).
  5. Si richiede una breve biografia di massimo 400 (quattrocento) battute, spazi inclusi, contenente almeno i seguenti elementi: un contatto diretto, come un indirizzo mail; l’istituto in cui l’autore studia / lavora al momento; la denominazione dell’eventuale ricerca a cui sta lavorando.
  6. Si richiede necessariamente una bibliografia più precisa possibile, ma almeno contenente titoli completi e autori delle opere. Si predilige il formato bibtex. Se le opere citate sono liberamente fruibili, si gradisce anche averle o avere un’indicazione di come ottenerle in versione integrale e in formato elettronico (per es. un indirizzo web) in modo da inserirle come materiale on-line di supporto.
  7. È gradito un suggerimento per il titolo, il sottotitolo, la descrizione breve (massimo 250 battute, spazi inclusi) e la divisione in sottosezioni con relativi titoli.
  8. Nel caso di interviste, si richiedono le informazioni complete relative all’intervistato (nome, cognome, istituto di appartenenza, eventuale docenza, contatto diretto) e se possibile una sua foto.
  9. I tempi di consegna vengono specificati volta per volta, ma in linea di massima si richiede una versione preliminare completa dell’articolo almeno due settimane prima della data di pubblicazione prevista.
  10. Nella fase preliminare si consiglia di fissare una scaletta sommaria dei contenuti e inviarla alla redazione per un primo feedback editoriale.

Per ogni dubbio è possibile, e consigliato, rivolgersi direttamente alla redazione.